Menu Chiudi

Io e internet, PROGETTO PON I.C. MANERI – INGRASSIA – DON MILANI

In questa pagina del Blog ScuolaX trovate alcuni appunti relativi alle lezioni del progetto PON Io e Internet rivolto agli studenti delle classi 1^, 2^ e 3^ della Scuola Secondaria di Primo grado dell’I.C. Maneri – Ingrassia – Don Milani di Palermo.

PRIMA LEZIONE (INTRODUZIONE)

INTRODUZIONE

E’ ormai ben noto che spesso gli adolescenti usufruiscono della rete senza che vi sia alcun controllo da parte degli adulti. Internet, per quanto sia utile e affascinante è anche un mondo pieno di insidie e di pericoli. Anche se la nuova generazione è molto abile nelle nuove tecnologie (generazione 2.0) ciò non significa che ne possa fare sempre un uso sicuro e responsabile se non è ben guidata. Per fare qualche esempio basta citare un fenomeno quanto mai attuale, molto diffuso e sempre più in crescita che ha il nome di “cyberbullismo”, l’equivalente digitale del bullismo, che ha richiesto perfino un intervento legislativo (Disegno di legge, 20/09/2016 n° 3139, ‘Disposizioni per la prevenzione e il contrasto dei fenomeni del bullismo e del cyberbullismo’). Vi sono poi altri fenomeni non meno pericolosi come il “sexting”, ovvero pubblicazioni di foto o video compromettenti e diffamanti che hanno addirittura portato al suicidio dei diretti interessati, e la stessa dipendenza patologica dalle tecnologie digitali (fenomeno “Hikikomori”). Altri fenomeni invece, come quello delle “bufale sul web”, oltre a creare falsi allarmismi, possono portare all’incriminazione penale se suscita allarme presso le autorità. La nostra scuola, come luogo istituzionale di cultura, educazione e formazione non può rimanere indifferente a tutto questo e, con un corso organizzato dall’Animatore Digitale dell’Istituto, provvede a dare informazioni utili agli studenti, educarli alla cultura del digitale, sviluppare in loro il senso critico e di giudizio, rendendoli consapevoli dei rischi che quotidianamente si incontrano quando si fa uso di Internet. Il corso è aperto anche ai docenti e ai genitori degli studenti, in modo da poter fornire agli adulti un bagaglio conoscitivo e pratico utile per conoscere e prevenire i rischi che la tecnologia digitale ha per loro e per i propri figli. Lo scopo è offrire spunti di riflessione e strumenti, conoscitivi e didattici, utili ad un utilizzo del Web che sia sicuro e soprattutto consapevole. Educare alla cultura del digitale. Obiettivi del progetto
• Sviluppare un atteggiamento consapevole, critico e responsabile nella fruizione del Web e dei suoi contenuti.
• Aumentare le capacità attentive e di giudizio morale.
• Potenziare la capacità di autocontrollo dei propri comportamenti.
• Ridurre e prevenire fenomeni di illegalità e inciviltà diffusa.
• Promuovere pratiche di educazione alla convivenza e alla coesione sociale.
• Sviluppare politiche di prevenzione e di controllo sociale del territorio, di educazione e partecipazione giovanile, di informazione e comunicazione.
• Sensibilizzare, informare e formare le famiglie sull’utilizzo di strumenti di parental control che limitino l’accesso a contenuti potenzialmente pericolosi in rete.
• Sensibilizzare, informare e formare gli educatori (insegnanti e genitori) in merito agli strumenti di comunicazione/interazione della rete.

Metodologie:
Lezione frontale partecipata;
Ricerca ed azione;
Debate.
Modalità di verifica: Somministrazione di questionari all’inizio, in itinere e alla fine del corso. Valutazione Vedi griglia di valutazione.

ALCUNE DEFINIZIONI DI BASE

L’hardware è la parte materiale di un computer, ovvero tutte quelle parti elettronicheelettriche, meccaniche, magnetiche, ottiche che ne consentono il funzionamento.

Il software, in informatica e in elettronica, è l’insieme delle componenti immateriali di un computer in contrapposizione all’hardware, cioè la parte materiale di un computer.


Il software è il programma che serve ad un computer per funzionare. Tutte le applicazioni che trovate sui vostri telefonini sono software.

In informatica il web browser (o più semplicemente browser[1] /ˈbraʊzə(r)/, traducibile come navigatore) è un’applicazione per l’acquisizione, la presentazione e la navigazione di risorse sul web.  Alcuni dei browser più usati sono Google Chrome, FireFox, Safari e Internet Explorer. Il browser è un’applicazione, è un software!

Internetè una rete di telecomunicazioni ad accesso pubblico che connette vari dispositivi in tutto il mondo.

CLASS DOJO

————>>>>>> https://www.classdojo.com

Orario corso

QUESTIONARIO D’INGRESSO: https://forms.gle/1JEuhbTLsTd8cBCS8

ORARIO

Data Orainizio Ora fine Tutor Esperto Sede
28/10/
2019
14:30  17:30 D’Acconti Gennaro Palmeri Nicola Aula multimediale
04/11/
2019
14:00  17:00 D’Acconti Gennaro Palmeri Nicola Aula multimediale
11/11/
2019
14:00 17:00 D’Acconti Gennaro Palmeri Nicola Aula multimediale
18/11/
2019
14:00 17:00 D’Acconti Gennaro Palmeri Nicola Aula multimediale
25/11/
2019
14:00 17:00 D’Acconti Gennaro Palmeri Nicola Aula multimediale
28/11/
2019
14:00 17:00 D’Acconti Gennaro Palmeri Nicola Aula multimediale
02/12/
2019
14:00 17:00 D’Acconti Gennaro Palmeri Nicola Aula multimediale
09/12/
2019
14:00 17:00 D’Acconti Gennaro Palmeri Nicola Aula multimediale
13/12/
2019
14:00 17:00 D’Acconti Gennaro Palmeri Nicola Aula multimediale
16/12/2019 14:00 17:00 D’Acconti Gennaro Palmeri Nicola Aula multimediale

SECONDA LEZIONE (CLASS DOJO, i nostri dati in rete, Cyberbullismo…)

Prima di iniziare la seconda lezione risponderemo assieme a queste domande scrivendole su ClassDojo.

  1. Internet non ha regole?
  2. Internet è perfetto per fare scherzi, non bisogna prendersela: è solo un gioco?
  3. Le cose dette su internet fanno meno male di quelle dette in faccia?
  4. Non bisogna intervenire, in rete ognuno deve imparare a cavarsela da solo?
  5. Se ci sono dei problemi in rete è meglio non coinvolgere gli adulti, si rischia di far peggio?

– MARCO MENGONI E PAOLA CORTELLESI – MONOLOGO SUL BULLISMO (9 min) 


– GAETANO, video 1 e 2 (4 min) 

– SE MI POSTI TI CANCELLO – Ep.1 “GAETANO” (5 min) (scuola secondaria di 2° grado)

“Gaetano – Ep. 1” – Se Mi Posti Ti Cancello
“Susy” – Ep.2 – Se Mi Posti Ti Cancello

CORTOMETRAGGIO DUE PIEDI SINISTRI

https://video.repubblica.it/edizione/roma/due-piedi-sinistri-ma-molto-giallorossi-il-corto-che-accende-il-tifo-in-rete/211198/210348


I due video seguenti narrano la stessa vicenda da due diversi punti di vista, prima quello di una compagna di classe e poi quello di Gaetano, vittima di cyberbullismo.Dopo il primo è utile chiedere agli studenti come immagino che stia vivendo la situazione Gaetano.

Gaetano: storie di ordinario cyberbullismo

TERZA LEZIONE (Account di Google for Education, Login sicuro, Un caso grave di Cyberbullismo)

Prima di affrontare gli argomenti principali della terza lezione ogni alunno viene dotato di un account sulla nostra Google for Education.
Mediante alcuni esempi vediamo insieme come effettuare il login in maniera sicura.

Si propone agli studenti di riflettere su come normalmente le persone reagiscono quando sono testimoni di questi fatti e in un secondo momento di chiedersi se c’è un modo “giusto” o “sbagliato” di agire e qual è la responsabilità di ciascuno in questi casi.

LETTERA di un genitore: http://bit.ly/2cZqJx2

Percorso di riflessione:

Che emozioni avete provato guardando/ascoltando questa storia?

Come ritenete si sentissero i protagonisti?

Perché secondo voi in tanti non intervengono di fronte a queste situazioni?

E’ facile capire cosa sta provando chi si trova vittima di queste situazioni?

E’ facile capire cosa sta provando chi si trova vittima di queste situazioni?

Da quali segnali si può capire quando uno scherzo è andato troppo oltre?

CHE COS’E’ L’EMPATIA? Formulate una definizione propria, fate esempi concreti e chiedere in quali situazioni è più facile e quando meno facile provare empatia per qualcuno.
Infine quando e perché essere “empatici” è utile/scomodo/importante?

– spot sull’EMPATIA (1 min)

QUARTA LEZIONE (Continuiamo con Google for Education, Google Classroom, 10 regole per i genitori e 10 regole per i figli)

Per i genitori:

  1. Fa’ sì che Internet sia un’attività familiare, ad esempio è buona norma scegliere insieme la lista dei siti da visitare
  2. Colloca il computer in stanze comuni, non nella cameretta del bambino
  3. Concordate insieme il tempo giornaliero da dedicare alla navigazione
  4. Usa dei filtri (dal semplice controllo della cronologia dei siti visitati ai software dedicati al parental control, blacklist, software spia) e verifica periodicamente che funzionino
  5. Proteggi il computer con software sempre aggiornati (firewall, antivirus e antispam)
  6. Custodisci le informazioni personali (prima di inserire dati sensibili controlla che siano presenti i segni di sicurezza della pagina: la scritta https nell’indirizzo e il segno del lucchetto)
  7. Mantieni segreta la parola chiave (i ruoli di chi naviga – il ragazzo – e di chi amministra il computer – il genitore – vanno mantenuti distinti)
  8. Utilizza password solide (almeno 8 caratteri, con maiuscole e minuscole, lettere, numeri e simboli), cambiale a seconda dei siti e rinnovale di frequente
  9. Non scaricare programmi se non ne conosci la provenienza
  10. Insegna ai figli la buona educazione in rete, informali che esiste la netiquette.

Per i ragazzi:

  1. Non inviare tue immagini a nessuno, non farti vedere in web cam se non sei autorizzato dai tuoi genitori
  2. Non farti ritrarre in atteggiamenti intimi da nessuno
  3. Ricorda che le promesse troppo belle non sono mai vere
  4. Non dare mai il tuo numero di telefono a sconosciuti, né informazioni personali come indirizzo, età, foto, via email, Facebook o Messenger
  5. Non prestare il tuo cellulare a nessuno
  6. Prima di aprire un allegato o scaricare contenuti pensaci: se conosci la persona che te lo ha inviato, chiedi conferma che te lo abbia mandato veramente; altrimenti ignoralo
  7. Prima di pubblicare qualcosa in internet, pensaci: foto, testi, video, conversazioni, messaggi possono essere visti anche da sconosciuti, anche a distanza di molto tempo; non postare nulle che consideri personale o riservato e di cui potresti pentirti in futuro
  8. Attento ai falsi: messaggi allarmistici, richieste d’aiuto, offerte, richieste di dati, segnalazioni di virus spesso sono dei trucchi, sii diffidente
  9. Sui social network (come Facebook e Twitter) controlla le impostazioni del tuo profilo: chi può vederlo? Chi può fare ricerche su di te o raccogliere informazioni o esporti a situazioni che non controlli? Restringi il più possibile l’accesso alle informazioni che ti riguardano
  10. Rispetta la netiquette, ovvero le regole di buona educazione in rete: leggi le regole del sito in cui ti trovi, non offendere nessuno, non divulgare messaggi privati di altri.

Donatella Barus

Commentiamo assieme le due guide dei SUPER ERRORI – Generazione connesse della Giunti.

PER BAMBINI https://www.generazioniconnesse.it/_file/documenti/Comunicazione/Leaflet_2015/SIC_Bambini_leaflet.pdf

PER RAGAZZI https://www.generazioniconnesse.it/_file/documenti/Comunicazione/Leaflet_2015/SIC_RAGAZZI_leaflet.pdf

Guardiamo il primo episodio dei SUPER ERRORI

CHATWOMAN

https://www.generazioniconnesse.it/site/it/0000/00/00/chat-woman/

Ecco nel seguente link tutti i SUPER ERRORI !!!

https://www.generazioniconnesse.it/site/it/super-errori/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *